Divani ergonomici e Chaise Longue tipo Le Corbusier

Ho deciso che non mi accontento dei banali e scomodi divani da salotto, non farò mai un mutuo perchè sono contrario ma appena ho soldi da buttare mi compro il divano Tephra, visto che la chaise longue cel’ho già (presa una imitazione da un mobiliere che fa le copie delle sedie famose).

Poltrona Le Corbusier Chaise Longue in pelle

poltrona Le Corbusier Chaise Longue tipo psicologo

Nonostante siano state fatte miriadi di imitazioni della celebre sedia modello chaise longue di Le Corbusier, ad oggi resta inimitabile. Nell’immaginario collettivo è la classica poltrona da psicologo (o meglio per pazienti degli psicologi) grazie al notevole stato di relax che consente e al design unico. E’ infatti una delle poche poltrone ad inclinazione variabile: i supporti metallici sono due semicerchi e la poltrona si può inclinare a piacere dalla posizione semi eretta a quella semi-sdraiata (la regolazione è abbastanza scomoda, visto che bisogna alzarsi per far scorrere la sedia tra una posizione e l’altra). Il supporto in pelle è mantenuto in forma da una serie di molle e tiranti agganciati alla struttura in metallo.
Il tavolino con ripiano in vetro invece è decisamente brutto nella sua semplicità e scomodità (non ci puoi appoggiare niente di pesante perchè è in vetro, non ti ci puoi sedere, si sporca subito e in generale è sempre impolverato perchè appunto sul vetro si vede. A casa abbiamo sia la sedia le corbusier che il tavolino e devo dire che dopo tanti anni il mio parere non è cambiato, il tavolino fa ancora schifo. Per quanto riguarda la poltrona invece starci sopra in due è impossibile, quindi di solito la uso per leggere e mi addormento dopo circa 10 minuti. (la vuoi comprare online? 800 euro e passa la paura! )

Divano ergonomico Tephra Formations

tephra formations Robert Stadler, divano ergonomico

Il divano supremo è sicuramente il costosissimo Tephra di Robert Stadler. A parte l’orribile colore grigio cenere (il concetto secondo il designer deriva dallo studio delle colate laviche) questo divano è ergonomicamente compatibile con un’infinità di posture, da quella seduta classica a quella straiata a ginocchia in alto tipo chaise longue. Un progetto simile a questo e altrettanto folle è quello del divano disegnato dalle onde alpha del cervello umano. Peccato per il colore. Peccato che l’abbiano usato principalmente in teatro.

tephra formations by robert stadler seduta tephra formations robert stadler divano tephra formations  stadler seduta

Chaise Longue Varier Tok

varier-tok-brown

La Varier Tok è semplicemente troppo comoda, voglio dire se l’avete in casa probabilmente non fate niente nella vita perchè ci state sopra tutto il tempo, vero? E’ reclinabile all’indietro, avvolgente e resistente. Il poggia piedi completa la forma tipo chaise longue, e ovviamente è così grossa e ingombrante che vi serve un salotto apposta per questa poltrona. Io non cel’ho. Non ancora. Il costo? Abominevole (oltre 2000 euro).

Charles Eames

Come sempre nel design ci sono corsi e ricorsi, questa è la poltrona Eames, che Herman Miller ha iniziato a distribuire dal 1956, da allora è diventata un’icona, è persino esposta al MoMa di New York, infatti un’originale ha un costo a partire da 20.000 euro, comunque nuova si trova anche a 2.700 euro. Personalmente l’ho provata e non è comodissima.

Ball Chair

La ball chair è in elenco perchè riesce ad avere una funzionalità unica, di isolamento ambientale ed acustico, che nelle case rumorose può essere un plus notevole. Anche questa è un design del 1963, anni in cui l’umanità ha dato il suo meglio. Ultimamente la sto desiderando.

Repliche a partire da 800 euro, originali a partire da 2000.

Poltrona Planet Stokke (Varier)

Questa specie di mezza palla è la poltrona Planet: ricorda a tratti un tulipano o una bocca, e ha la caratteristica forma semi sferica. Il piedistallo è collegato con una serie di molle che permettono l’inclinazione all’indietro (per appoggiare i piedi sul tavolino magari) e per quanto mi riguarda la trovo scomoda. Di certo in un salotto o in uno studio si fa notare, e per brevi attese può essere un’idea interessante dato che starci seduti da come un’idea di intimità. Purtroppo la postura che si assume invece da un’idea di provvisorietà, come se ci si dovesse alzare dopo poco per cercare un divano più comodo. Costo? cara! (oltre 900 euro), l’ho messa per ricordare che i soldi si possono anche buttare via.

4 commenti su “Divani ergonomici e Chaise Longue tipo Le Corbusier”

  1. complimenti per la selezione! il divano proposto é molto interessante.
    Bisogna dire che non esiste molta offerta per chi cerca un divano ergonomico, in quanto di solito mancano i requisiti di regolabilità. Ho visto dei modelli tipo Divani&Divani (ma anche altri) che hanno un poggiapiedi estraibile abbinato ad una variazione della angolatura di seduta (credo che questo meccanismo sia disponibile anche presso altri produttori). L’estetica non ha niente a che fare con il divano proposto qui sopra.
    Una alternativa, nell’ottica ergonomica, é quella di affiancare ad un divano “bello, possibile e scomodo”, delle poltrone: se ne possono trovare diverse che sostengono correttamente e sono regolabili, o consentono assetti diversi. Io ho una gravity della Stokke (oggi Varier) in pelle e guai a chi me la tocca!

  2. Salve, sono una psicologa di circa 50 anni e sto seduta per molto ore su una poltroncina rivolta in avanti verso i pazienti (senza scrivania in mezzo). Sono stata operata 15 anni fa per ernia discale L5-S1. Ho dolori sopratutto a livello lombare e cervicale e una cifosi dorsale in aumento. Ho visto la sedia PLANET della STOKKE che mi piacerebbe, ma penso che mi ci voglia qualcosa che mi sostenga anche più in alto. Quale poltroncina mi consigliate? Saluti e grazie, Angela

    • ciao Angela scusa il ritardo nella risposta! Per i tuoi problemi ti sconsiglio la poltrona Planet, cercherei piuttosto qualcosa che ti possa far distendere la schiena, magari spostando il peso in avanti e scaricandolo sulle ginocchia (come per esempio la Thatsit o la Komfortsave). Per il tuo tipo di necessità puoi anche valutare una Hag Capisco, che ha il supporto cervicale di cui parlavi e in alcuni modelli ha anche la seduta tipo “sella” che non è troppo strana eppure consente una buona posizione per le gambe che si possono rilassare senza inarcare scorrettamente la schiena.

I commenti sono chiusi.