Ieri una ristretta delegazione di NerdGranny si è recata piena di curiosità e carica di taccagneria alle finali gratuite dei bellissimi campionati italiani di Cheerleaders, che si sono tenuti al palazzetto dello sport di Salsomaggiore.

campionati italiani cheerleaders salsomaggiore 2012 palazzetto sport

Come tutti, anche noi avevamo sentito parlare del cheerleading solo grazie ai film americani, e avevamo visto le cheerleaders per caso tra una partita di basket e una di football americano. Appena entrati al palazzetto abbiamo scoperto anche molto altro!

Intanto io sono rimasto stupito delle acrobazie a metà trà circo e ginnastica artistica un po’ folli che ho visto fare una dopo l’altra, col cuore in gola. Lanci di persone ad altezze improbabili, ho calcolato almeno quanto un palazzo di 2 piani in alcuni casi… Salti mortali e coreografie simpatiche. Va detto che non so i nomi delle squadre (se leggete fatevi sentire nei commenti!), non so le regole nè mi sono mai chiesto a cosa possa servire, ma devo dire che tutti noi della delegazione siamo rimasti stupiti da quanto entusiasmo e allegria stia dietro a queste manifestazioni.

nostalgia canaglia e spirito di gruppo

Io soprattutto che ho fatto Ultimate Frisbee per qualche anno, so bene cosa significa condividere con la propria squadra qualcosa di nuovo e misterioso al pubblico italiano. Quel sapore intimo e acceso delle trasferte, dormire assieme in tenda o in hotel. Una volta al torneo di Vienna abbiamo anche dormito tutti assieme nella palestra stessa dell’evento, coi sacchi a pelo uno di fianco all’altro, e nella notte si sentivano volare i frisbee seguiti dalle imprecazioni di qualche sfortunato colpito per caso, o la presa salda e schioccante seguita da un urlo di gioia, da parte di quei ninja che li sapevano prendere anche nella penombra.

quei pochi, geniali eterosessuali

Ma non voglio ammantarvi di nostalgia per le mie esperienze personali, e neanche vorrei raccontarvi della nostalgia istantanea che staranno provando oggi un po’ tutti gli allegri 600 e passa ragazze e ragazzi che ho visto partecipare ai campionati di Salsomaggiore. I veri protagonisti del mio studio antropologico sono i ragazzi  (nel senso di maschi): mi hanno fatto impressione, per la loro lungimiranza. Insomma qualche gay ci sarà anche stato, ma quei geniali eterosessuali che sgambettavano e facevano piroette palpando decine, centinaia di culi per ore e ore, cari lettori… quelli lì li ho formalmente invidiati, con la deferenza che un redattore senior di NerdGranny poteva permettersi in quel momento (accompagnato dalla futura moglie), certo.

che culo!

Sono molto felice di aver avuto la voglia di uscire di casa per vedere questo ennesimo sport giovane, fatto di tanta buona volontà, nessuna droga (spero!), tanta condivisione e soprattutto tantissime gnocche.

Concluderei parlando della foto di apertura del post, scattata in un momento di delirio-gioco collettivo arrivato alla fine del torneo, quando tutte le squadre ormai si erano esibite e sono scese in campo ballando la stessa canzone, facendo trenini, lanciandosi in aria come se avessero il paracadute, tutto ridendo e scherzando come fossero una grande famiglia felice. Questa idea di grande famiglia e questo senso di unione che ha saputo creare la Federazione Italiana Cheerleading si è fatta sentire forte perfino nel mio cuore di nerd appassionato di videogiochi e poco altro!

Oggi ne parlavo in ufficio con le ragazze del marketing, quando ho detto di essere stato ai campionati italiani di cheerleaders hanno urlato tutte e tre: “NOOO BELLISSIMO!!! Dov’eraaa?!?!“. Io con fare saccente e carico d’orgoglio ho risposto “a Salsomaggiore, ovviamente“. Grazie anche al campionato mondiale della Pizza, sono fiero di essere salsese una volta tanto, grazie a tutti :)

la mia riflessione cupa

E’ arrivato finalmente il momento che aspettavate tutti, al silenzio davanti ai vostri monitor immersi nella solitudine digitale che contraddistingue la nostra generazione. Stavo pensando al significato di cheer-leader: cioè fare i leader del sostegno (to cheer). Come mai c’è bisogno di una specializzazione per fare il tifo, per creare entusiasmo?

video

poche chiacchiere beccatevi un bel video, direttamente da Salsomaggiore Cheers :)